Ago 202018

Madrid: le 7 cose più importanti da vedere nella capitale della Spagna

Madrid: le 7 cose più importanti da vedere nella capitale della Spagna

Palazzo Reale

Nell’elenco delle mete turistiche più importanti d’Europa troviamo Madrid, una destinazione che offre ai suoi visitatori un mix molto interessante tra storia, arte e cultura. Nella capitale della Spagna, che è anche la città più popolosa del paese, oltre alle bellezze paesaggistiche e monumentali si trovano infatti anche molti musei famosi, primo tra tutti quello del Prado. Madrid è famosa anche per la sua vita notturna particolarmente “vivace”, oltre che per una cucina tradizionale spagnola veramente ottima.

Sono quindi molti i motivi per cui dovreste prendere il considerazione una vacanza a Madrid. Vediamo insieme quali sono le sette cose che, secondo noi, sono le più importanti da visitare nella capitale spagnola. Considerate che per vedere sia la città che queste sette meraviglie, avrete bisogno di almeno 4 giorni pieni.

Il Palazzo Reale

Residenza ufficiale della famiglia reale, oggi il Palazzo reale viene utilizzato solo per cerimonie ufficiali, ricevimenti ed eventi. Ogni anno è la meta di un gran numero di turisti che quotidianamente visitano quella che un tempo era una fortezza medievale, l’Alcazar di Madrid. Successivamente venne trasformata nel sontuoso palazzo che si può vedere oggi, dopo che nel 1734 fu devastata da un incendio. Fu Re Juan II a iniziarne la costruzione e successivamente anche Carlo V e Filippo II si dedicarono al completamento della costruzione.

Il Palazzo Reale ha un cortile quadrato interno e la bellissima Plaza de Armas, che permette di ammirare la facciata principale. Sempre aperto al pubblico, nei mesi che vanno da ottobre a luglio permette di ammirare ogni mercoledì mattina il Cambio della Guardia.

Attualmente la famiglia reale di Spagna risiede nella periferia della città, al Palazzo della Zarzuela.

Palazzo Reale
Palazzo Reale

Il Museo del Prado

Il principale museo di Madrid è anche uno dei più importanti al mondo che nelle sue sale conserva alcuni dei capolavori della pittura degli ultimi 500 anni. Tra gli artisti che sono esposti nel Museo del Prado, troviamo Francisco Goya con la celeberrima Maya Desnuda, Velasquez con il Trionfo di Bacco e Il Crocifisso, poi Raffaello, Caravaggio, Hieronymus Bosch, El Greco, Rembrandt e molti altri ancora.

Una visita al Prado, con la vista delle opere principali, può durare anche un’intera giornata. Se siete degli appassionati d’arte non ve ne pentirete!

La Cattedrale dell’Almudena

Vicino al Palazzo Reale troviamo la Cattedrale dell’Almudena, nel quartiere di Madrid de los Austrias. La sua storia, fatta di rovine e ricostruzioni nel corso dei secoli, è stata molto travagliata e ci raccota di scontri e trattative burrascose che hanno visto impegnati i re cattolici e i vescovi di Toledo.

Furono re Filippo IV e la moglie, Isabella di Borbone, ad avere l’idea di far costruire, nel 1624, una chiesa nello stesso luogo dove in precedenza di trovava la Chiesa di Santa Maria dell’Almudena. Le lunghe discussioni portarono alla posa della prima pietra solo nel 1883, mentre la consacrazione avvenne nel 1993 sotto il pontificato di Papa Giovanni Paolo II.

L’aspetto della Cattedrale quindi si contraddistingue per un mix di stili diversi, che si rifanno alle varie fasi della sua costruzione. Si parte dal neogotico che domina all’interno della chiesa, per passare al neoclassico dell’esterno, per finire con la cupola in stile barocco. Al suo interno, oltre a numerose opere d’arte, si trova la statua della Madonna dell’Almudena (patrono della città). Di particolare pregio anche una rappresentazione della Via Crucis composta da 14 immagini in stile neogotico fiammeggiante.

Cattedrale dell'Almudena
Cattedrale dell’Almudena

Plaza Mayor

La stupenda Plaza Mayor, con i suoi edifici di tre piani, rappresenta il cuore della Madrid degli Austrias. Venne costruita nel 1580 sulla piazza in cui si teneva il mercato cittadino, Plaza del Arrabal, che era anche la sede delle esecuzioni capitali, delle corride e delle più importanti feste popolari della capitale spagnola.

La ristrutturazione, che l’ha resa la piazza più elegante di Madrid, iniziò per volere di Filippo II d’Asburgo, che aveva dato l’incarico all’architetto Juan de Herrera, poi sostituito da Juan Gòmez de Mora, che scelse il suo caratteristico ed elegante porticato che ospita una serie di bar e botteghe. Al centro della piazza, imponente, si trova la statua di Filippo III a cavallo.

L’accesso a Plaza Mayor avviene tramite 9 porte, la più famosa delle quali è l’Arco de Cuchilleros, o dei coltellinai, che qui avevano le loro botteghe. Durante la visita alla piazza non perdetevi la Casa de la Panaderia, un edificio adornato da due torri con affreschi che rappresentano un’allegoria dello zodiaco.

Plaza Mayor
Plaza Mayor

Museo Reina Sofia

Questo museo madrileno conserva le opere d’arte che vanno dal novecento fino ad oggi. L’edificio che ospita il Museo Reina Sofia in precedenza era la sede di un vecchio ospedale cittadio (progettato dall’architetto Francisco Sabatini) che nel 1986 venne convertito nel Centro d’Arte Reina Sofia.

Il museo vuole dare particolare risalto agli artisti locali come Dalì, Mirò e Picasso. Tra le varie opere si segnalano la Ragazza alla finestra di Salvador Dalì, lo spetacolare Guernica di Pablo Picasso, La Caduta di Barcellona di Le Corbousier e l’Uomo con Pipa di Joan Mirò.

Guernica di Pablo Picasso
Guernica di Pablo Picasso

Parco del Buen Retiro

La capitale spagnola è famosa anche per i suoi magnifici viali e per i suoi parchi, tra i quali spicca il Parco del Buen Retiro. Costruito nel 1640, ma aperto al pubblico solo nel 1868 quando, dopo la rivoluzione, i giardini divennero di proprietà dell’amministrazione comunale. I terreni su cui sorse il parco furono donati a Filippo IV dal Duca di Olivares.

L’attrazione più importante è il Palazzo di Cristallo, che venne eretto nell’ultimo decennio dell’800 per ospitare una esposizione di specie botaniche provenienti dalle Filippine, con una ricostruzione molto minuziosa di un villaggio indigeno. All’interno del parco spicca un imponente monumento, dedicato al re Alfonso XII, inaugurato nel 1922.

Plaza Puerta del Sol

La piazza più importante della capitale spagnola, al pari di Plaza Mayor, è Plaza de la Puerta del Sol, conosciuta per essere il luogo in cui si svolgono i festeggiamenti più belli del capodanno madrileno. L’edificio più antico della piazza è la Real Casa de Correo, sulla cui sommità si trova un grande orologio scandisce i rintocchi della mezzanotte. Il palazzo è anche la sede della presidenza della comunità di Madrid.

Nella piazza, secondo la tradizione, si mangiano i tradizionali 12 chicchi d’uva, uno per ogni rintocco e chi riesce ad andare a tempo avrà un nuovo anno propizio. Uno dei simboli della piazza è la statua che rappresenta l’orso intento ad addentare una pianta di corbezzolo.


Write a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *