Set 142018
I nostri viaggi: una mattinata al Parco Archeominerario di San Silvestro, uno dei Parchi Val di Cornia

Il trenino giallo

Sabato 8 settembre siamo stati a Campiglia Marittima, nel cuore della Maremma, per visitare il bellissimo Parco Archeominerario di San Silvestro. Ci troviamo in Toscana, nella zona delle Colline Metallifere, dove l’estrazione dei metalli dal sottosuolo è iniziata ai tempi degli etruschi. Il parco, che si estende su un’area di circa 450 ettari, fino al recente passato è stata legata all’attività mineraria.

L’escursione è stata molto interessante sia per noi adulti che per le bambine, che hanno seguito con attenzione le spiegazioni delle bravissime guide del parco. E’ stata una mattinata molto piacevole, che consigliamo a tutti quelli che vogliono passare una giornata andando alla scoperta dell’archeologia mineraria!

I percorsi di visita si snodano tra musei, gallerie minerarie ed un borgo medioevale di minatori fondato circa mille anni fa, ai quali si aggiungono sentieri di interesse storico, archeologico, geologico e naturalistico.

Parco Archeominerario di San Silvestro
Parco Archeominerario di San Silvestro

La nostra giornata

Siamo arrivati al parco la mattina presto, poco dopo l’orario di apertura (la biglietteria apre alle 10, ad eccezione del mese di agosto quando apre alle 9:30), pronti a vivere questa bella esperienza all’interno del parco archeologico. Ovviamente avevamo scelto un abbigliamento comodo: ai piedi abbiamo messo tutti e 4 delle scarpe da tennis ed abbiamo portato con noi anche delle felpe, visto che all’interno delle miniere c’è una temperatura costante di 14 °C.

Biglietteria e museo dell’Archeologia e dei Minerali

Dopo aver lasciato la macchina al percheggio abbiamo seguito un piccolo sentiero che ci ha portati verso la biglietteria del parco, dove abbiamo ritirato i nostri ticket di ingresso. Qui si trova anche il museo dell’Archeologia e dei Minerali, che si visita piuttosto velocemente, dove sono esposte espone rocce e minerali. Ci sono varie tipologie di visita tra cui scegliere: noi abbiamo optato per il Tour delle miniere (trovate più sotto le varie opzioni) che comprende la visita alla Miniera del Temperino e quella alla Galleria a bordo del trenino giallo. La visita guidata ha degli orari prestabiliti che permettono di apprezzare la bellezza dei siti visitati ed il contesto in cui si trovano.

Tutti con il casco!
Tutti con il casco!
Miniera del Temperino

Prima dell’ingresso alla Miniera del Temperino abbiamo indossato le nostre felpe ed i caschi di protezione, che si sono rivelati molto utili nel corso della nostra passeggiata all’interno della miniera. La guida ci ha introdotto velocemente la storia della miniera e poi ci siamo immersi nel sottosuolo per andare alla scoperta dell’affascinante mondo minerario del Parco Archeominerario di San Silvestro.

Dentro la Miniera del Temperino
Dentro la Miniera del Temperino

La vecchia miniera è visitabile grazie ad una galleria lunga 360 metri, un vero e proprio museo naturale! Percorrendola abbiamo seguito uno stupendo itinerario sotterrano lungo il quale ci sono state mostrate quelle che erano le tecniche estrattive della miniera. Alcuni scavi risalgono addirittura all’epoca etrusca! La guida lungo il percorso ci ha mostrato i pozzi attraverso cui si calavano gli antichi minatori, e le gallerie che sono state scavate nel corso dei secoli! Considerate che i visitatori hanno accesso solo al primo piano della miniera, sotto al quale ce ne sono altri 8.

Una della cose più belle viste nella Miniera del Temperino è stata la splendida colata di crisocolla, un minerale di colore bluastro che si forma grazie all’azione dell’acqua che scorre lungo la roccia. La crisocolla non può essere toccata, altrimenti si blocca la sua crescita!

crisocolla
La crisocolla
Galleria Lanzi-Temperino

Una volta usciti dalla Miniera del Temperino abbiamo percorso una breve strada in salita per raggiungere la Galleria Lanzi-Temperino. Ai lati della strada che porta alla galleria si trovano antichi frammenti di roccia scintillante (vecchi scarti delle estrazioni minerarie), che hanno attirato l’attenzione delle nostre bambine. Trattandosi di scarti, la guida ci ha detto che era possibile raccoglierli, ed ovviamente Sofia e Matilde si sono portate a casa qualche piccolo frammento minerario.

Lungo il percorso siamo passati dal Museo delle Macchine Minerarie e dei Minatori, ospitato presso l’edificio di servizio di Pozzo Earle. Il museo raccoglie alcuni macchinari, che si trovano esattamente nel punto in cui vennero abbandonati l’ultimo giorno di apertura della miniera, utilizzati per lo svolgimento dell’attività mineraria di San Silvestro.

Vecchi vagoni
Vecchi vagoni

La Galleria Lanzi-Temperino, avviata nella seconda metà dell’800 e lunga circa un chilometro. L’abbiamo percorsa a bordo di un piccolo trenino giallo che, dopo aver attraversato la montagna, ci ha portato fino alla Valle Lanzi. Qui abbiamo visto dall’alto gli impianti minerari, nati inizialmente per la flottazione del minerale, e poi riconvertiti in impianti per la frantumazione del calcare.

Sullo sfondo di Valle Lanzi, arroccata su uno sperone di roccia, ci sono i resti della Rocca San Silvestro. La costruzione di origine medievale venne edificata nel corso del X secolo, periodo in cui è stata il villaggio di minatori e fonditori di metallo. Grazie alla sua posizione strategica, la Rocca domina per chilometri le valli sottostanti, ed in modo particolare le aree dei giacimenti minerari.

Da Valle Lanzi abbiamo ripreso il trenino giallo nella direzione opposta per fare ritorno verso l’area di Pozzo Earle. A quel punto siamo scesi a piedi fino al parcheggio perché la nostra fantastica avventura era terminata!

Il trenino giallo
Il trenino giallo del Parco Archeominerario di San Silvestro

Le aree del Parco Archeominerario di San Silvestro

Il parco si suddivide in diverse aree. Alcune di queste le abbiamo visitate, ma ce ne sono anche altre molto interessanti che visiteremo sicuramente la prossima volta!

  • Museo dell’Archeologia e dei Minerali
  • Miniera del Temperino
  • Area servizio di Pozzo Earle con il Museo delle Macchine Minerarie e dei Minatori
  • Galleria Lanzi-Temperino
  • Rocca San Silvestro
  • Villa Lanzi
  • Percorsi archeominerari. Sono 5 diversi percorsi, alcuni impegnativi ed altri adatti a tutti.
Rocca San Silvestro
Rocca San Silvestro

I prezzi per accedere al parco

Le tariffe per l’ingresso al parco si differenziano in base al numero di percorsi che si sceglie di seguire.

Il Tour completo del Parco, che comprende Rocca di San Silvestro, Miniera del Temperino e Galleria con treno, ha un costo di 18€, mentre il biglietto famiglia (2 adulti e 3 ragazzi fino a 18 anni) ha un costo di 46€.

Il Tour delle miniere, che comprende la Miniera del Temperino e Galleria con treno, ha un costo di 16€, mentre il biglietto famiglia (2 adulti e 3 ragazzi fino a 18 anni) ha un costo di 40€.

Ci sono anche altre opzioni, come quella di visitare solo la Rocca di San Silvestro oppure la Miniera del Temperino, che hanno un costo di 9€ (ridotto 7€), oppure la sola galleria in treno che ha un costo di 11€ (riodotto 8€).

Ecco a chi si applicano le tariffe speciali:

  • Ragazzi tra i 6 e i 14 anni e gli overi 65, per i quali è prevista una tariffa ridotta.
  • Al di sotto dei 6 anni l’ingresso è gratuito.
  • Per le famiglie sino a 5 componenti (2 adulti e 3 ragazzi) che visitano più di un sito è prevista una speciale tariffa famiglie.
  • Per i residenti nei comuni della Val di Cornia è possibile l’acquisto del pArcheoPASS: a soli € 15,00 consente l’ingresso gratuito illimitato nel tempo ai musei e parchi archeologici del sistema (non è valido in occasione di eventi a pagamento e visite speciali per gruppi e scuole).

Maggiori informazioni sul parco

Aperto ufficialmente nel 1996, il parco è nato per mantenere viva la memoria e favorire la comprensione di una storia complessa, da sempre legata all’attività mineraria. Se volete approndire la sua conoscenza potete visitare il sito web dei Parchi della Val di Cornia e la loro pagina facebook ufficiale. In alternativa scrivete una mail a prenotazioni@parchivaldicornia.it oppure ad amministrazione@parchivaldicornia.it.

Il Parco Archeominerario di San Silvestro fa parte dei Parchi della Val di Cornia, un complesso che include anche gli insediamenti etruschi di Baratti e Populonia ed alcune aree naturali e costiere come il Parco Costiero di Rimigliano ed il Parco Costiero della Sterpaia.

Dove si trova e come arrivare

Il Parco Archeominerario di San Silvestro si trova immerso nel cuore della Maremma, nel comune di Campiglia Marittima, a poca distanza dalle spiagge di San Vincenzo.

Ecco qua di seguito le indicazioni per raggiungere il Parco Archeominerario di San Silvestro tramite Google Maps!


Reader Comments

Write a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *