Mag 222020
Viaggio a Londra sulle orme di Sherlock Holmes

Oggi è lo Sherlock Holmes Day

Il 22 maggio è lo Sherlock Holmes Day, un giorno dedicato ad uno dei miti più leggendari di Londra. L’investigatore residente al 221B di Baker Street nacque dalla penna di Sir Arthur Conan Doyle nel 1887.

Sherlock Holmes è l’investigatore più famoso della storia dei romanzi gialli. Le avventure di questo mitico personaggio ideato da Arthur Conan Doyle alla fine del XIX secolo si svolgono a Londra. Per omaggiare questo personaggio iconico è stato scelto il giorno del compleanno di Doyle, nato ad Edimburgo il 22 maggio 1859. Scopriamo insieme qualcosa di più sul detective e sui luoghi di Londra che sono legati alle sue mitiche avventure!

Il 221B di Baker Street

Partiamo dall’indirizzo, il 221B di Baker Street, scelto da Conan Doyle per la residenza londinese dell’investigatore. Nella realtà questo numero civico era inesistente al momento della pubblicazione delle storie di Sherlock Holmes. Molti anni dopo, con lo sviluppo della capitale britannica, i numeri di Baker Street furono riassegnati, ed il 221B divenne realtà per una palazzina in stile art déco che fino al 2002 è stata la sede della Abbey Road Building Society. La società, che cominciò a ricevere lettere indirizzate a Sherlock Holmes da tutto il mondo, decise di approfittare della cosa, aprendo una segreteria di Sherlock Holmes, mettendo anche una targa di bronzo in corrispondenza del famoso numero civico.

I nostri Viaggi: due giorni a Londra

Il Museo di Sherlock Holmes

In Baker Street c’è anche il Museo di Sherlock Holmes, che noi abbiamo visitato nel corso del nostro Viaggio a Londra del 2016. Il museo si trova in un edificio del 1815 molto simile a quello dell’appartamento descritto da Conan Doyle. All’ingresso del museo c’è il numero civico 221B, ma in realtà il suo vero numero è il 239.

Sicuramente il museo è una tappa da non perdere per i fan del mitico detective londinese. La visita lungo i piani della palazzina al 221B di Baker Street non dura moltissimo, ed alla fine non ti lascia tantissimo.

I biglietti, che possono essere acquistati solo all’arrivo al Museo, hanno i seguenti prezzi:

  • Adulti 15£
  • Bambini 10£
Dentro al museo di Sherlock Holmes
Dentro al museo di Sherlock Holmes

Il St. Bartholomew’s Hospital

Il primo incontro tra Sherlock Holmes e il Dottor Watson avvenne al St. Bartholomew’s Hospital, nel primo romanzo dedicato a Sherlock Holmes, Uno studio in rosso. Proprio nell’ospedale londinese il detective pronunciò anche la frase che contiene la sua prima deduzione: “Vedo che è stato in Afghanistan” disse Scherlock a Watson, che riportava ferite alla spalla e al ginocchio. John Watson era un ex medico militare che effettivamente era appena tornato dalla guerra in Afghanistan.

Curiosità

A quanto para, secondo un sondaggio, oltre il 20% dei cittadini britannici è convito che Sherlock Holmes sia veramente esistito. Ovviamente l’investigatore londinese è solo il frutto dell’immaginazione di Doyle, che però ha ammesso di essersi ispirato a Joseph Bell per dar vita al personaggio. Bell era un medico che insegnava all’Università di Edimburgo ed era il professore dello Conan  Doyle, che nella sua autobiografia ammise di essersi ispirato a lui creare il personaggio: “ho pensato al mio vecchio insegnante Joe Bell, alla sua faccia aquilina, ai suoi modi curiosi, ai suoi trucchetti per scoprire i dettagli“.


Write a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *