Lug 252020
La Spiaggia delle Due Sorelle e la sua Leggenda

La Spiaggia delle Due Sorelle

Nelle Marche e più precisamente a Sirolo, in provincia di Ancona, possiamo ammirare una delle spiagge più incantevoli d’Italia: la Baia delle Due Sorelle. Siamo ai piedi del Parco Regionale del Monte Conero.

La Spiaggia delle Due Sorelle è una delle mete turistiche estive più affascinanti e suggestive delle Marche. Siamo a Sirolo, in provincia di Ancona, ai piedi del Parco Regionale del Monte Conero. Lungo la costa, tra la bellissima spiaggia dei Sassi Neri e la spiaggia della Cava Davanzali, è possibile ammirare una delle spiagge più’ incantevoli d’Italia, la Baia delle Due Sorelle. Il perché di questo nome particolare è dovuto a due enormi rocce a punta che emergono tra le infinite sfumature dell’acqua che vanno dal verde smeraldo al blu intenso.

La spiaggia bianca è composta da ghiaia fine e ciottolini, ed è adatta a tutti gli amanti di spiagge selvagge. Questa metà è l’ideale per chi è alla ricerca di un po’ di relax a contatto con la natura. Alla Spiaggia delle Due Sorelle non ci sono bar, ristoranti o altri tipi di servizi, pertanto si deve arrivare equipaggiati con tutto il necessario.

Così come per molte altre cose belle e affascinanti, bisogna conquistarle. Infatti non è così semplice e scontato arrivarci, ed in molti si sono trovati obbligati a rinunciare alla visita durante le proprie vacanze per mancanza di organizzazione e per non aver raccolto informazioni precise sul come avvicinarsi.

Innanzitutto partiamo con il precisare che è raggiungibile esclusivamente via mare con traghetti che partono dal porticciolo di Numana. Ma se siete degli sportivi ed amate le emozioni, allora potete raggiungere la spiaggia anche remando in canoa, sup, tavole o kayak, partendo dalla spiaggia di Numana, Portonovo o Sirolo.

La posizione della spiaggia ha aiutato a preservarla visto che non è possibile arrivarci a piedi. I turisti possono raggiungerla solo per una gita giornaliera di alcune ore, visto che la zona è protetta il più possibile “dall’inquinamento” della presenza umana e tutto deve essere lasciato come è stato trovato per non rischiare di pesanti multe. Per questo ha anche il nome di “spiaggia intoccabile”.

Spiaggia delle Due Sorelle
Spiaggia delle Due Sorelle (foto www.siviaggia.it)

La Leggenda della Spiaggia delle Due Sorelle

Come tutti i luoghi più belli e affascinanti, anche questa spiaggia ha una sua leggenda che noi vi riportiamo come l’abbiamo trovata su internet, tramandata da generazioni di pescatori.

E’ una storia d’amore e di dolore della sirena Mitì, ambientata sulla Riviera del Conero, quella che si nasconde dietro la Spiaggia delle Due Sorelle. Mitì è la più bella fanciulla del paese e figlia di un povero pescatore. Una notte la ragazza fece un sogno per lei impressionantemente reale: l’arrivo sulla spiaggia di un bellissimo marinaio che chiese la sua mano, promettendole che poi al suo ritorno sarebbero scappati insieme.

Tutti i giorni la fanciulla si recava sulla caletta aspettando il ritorno del suo amato cantando canzoni bellissime e seducenti, affascinando molti marinai di passaggio che cercavano di conquistarla. Ma lei fedele rimaneva ad aspettare il ritorno del suo sposo apparso in sogno.

I mesi passavano e Mitì divenne furiosa per l’attesa e con l’aiuto di un Demone marino, iniziò a imprigionare tutti gli sventurati marinai che le si avvicinavano per rinchiuderli nella Grotta degli schiavi. Finalmente un giorno si avvicinò a riva una barca e Mitì riconobbe il ragazzo che tanto aspettava e aveva sognato, Ma il marinaio le confessò che non era lì per lei ma per un’altra ragazza del villaggio.

Per il dolore Mitì iniziò a seguire a nuoto la barca con a bordo i due innamorati finché scomparse. Il Demone rimasto solo e impotente, per giustizia divina ,venne trasformato in pietra e diviso in due scogli appuntiti chiamati “Le Due Sorelle”.

Mitì non tornò più a riva, ma si racconta che alcuni marinai abbiano incrociato durante le loro navigazioni una bellissima ragazza dai capelli verdi con il corpo ricoperto di squame, che cantava bellissime melodie.

La Spiaggia delle Due Sorelle
La Spiaggia delle Due Sorelle (foto www.destinazionemarche.it)

Curiosità

In una notte di tempesta del 1962 un mercantile libanese chiamato il Potho, naufragò proprio al largo di questa spiaggia; oggi, una parte dei suoi resti sono ancora ben visibili a circa dieci metri di profondità.

Tra la fine dell’autunno e l’inizio dell’inverno si può assistere al bellissimo spettacolo della riproduzione dei polpi.

Se si vuol godere di un belvedere mozzafiato sopra la spiaggia e su tutta la Riviera del Conero per scattare delle meravigliose foto, vi consigliamo di seguire le indicazioni per l’itinerario 302 partendo dal cimitero di Sirolo.

Come già precedentemente detto ci raccomandiamo di fare molta attenzione e vi ricordiamo che non è assolutamente possibile scendere da questo sentiero chiamato il Passo del Lupo alla spiaggia, per pericolo di frane.

Leggi anche: le spiagge più belle d’Italia del 2019

Come raggiungere la Spiaggia delle Due Sorelle

L’unico modo per raggiungere la spiaggia è via mare. Viaggiando in auto, bisogna arrivare fino a Numana, da dove partono le imbarcazioni che vanno alla Spiaggia delle Due sorelle.

Chi arriva a Numana con l’autostrada A14, da sud deve uscire al casello di Porto Recanati-Loreto, chi arriva da nord può invece uscire alla barriera Ancona sud-Osimo. In pochi minuti si raggiunge il porticciolo di Numana. È possibile lasciare l’auto nei parcheggi a pagamento: il più ampio è all’entrata della città, oppure sono disponibili all’ingresso del porto o sul lungomare.

Per arrivare alla spiaggia bianca delle Due Sorelle bisogna prenotare la gita in barca presso l’ufficio che si trova al porticciolo di Numana. In alta stagione sono garantite quattro corse giornaliere verso la spiaggia le Due Sorelle, in partenza alle 9.30, 10.30, 12.00 e 14.30. Le corse di ritorno sono invece in programma alle 11.30, 12.30 e 15.00.

Ecco qua di seguito la posizione della Spiaggia delle Due Sorelle su Google Maps.


Write a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *